En Nicaragua nada está normal

ll conflitto sociale esploso in aprile in Nicaragua non è terminato, nonostante la repressione e il tentativo del governo di far apparire a livello mediatico una normalità che non esiste. Continuano le persecuzioni contro i protagonisti e le protagoniste delle lotte e la repressione non si ferma, così come le proteste. 

Articoli ed aggiornamenti sulla situazione che si sta vivendo in Nicaragua da aprile 2018 ad oggi al link https://issuu.com/nicaragua.torino/docs/pamphlet_a5/28

ELÍAS ANTONIO SACA Y LA CORRUPCIÓN DESDE EL ESTADO

ELÍAS ANTONIO SACA Y LA CORRUPCIÓN DESDE EL ESTADO

Di Vicente Flores

Por primera vez en la historia de El Salvador un expresidente de la República viene enjuiciado por corrupto.

Se trata del expresidente Elías Antonio Saca que fuera presidente de la República de El Salvador bajo la bandera del partido ARENA en el periodo 2004-2009.

La Fiscalía General de la República (FGR) demostró que durante su período presidencial extrajo y desvió de la partida presidencial (conocida como partida secreta) $301 millones de dólares para usos personales e impropios, en el transcurso de los cinco años de gobierno.

Por supuesto que para llevar a cabo ese plan contó con la complicidad de algunos de sus más cercanos allegados y colaboradores de confianza de la presidencia que también están siendo juzgados (secretario privado de la presidencia, secretario de comunicaciones de la presidencia, contadores, abogados, etc).

Antonio “Tony Saca” - como es conocido popularmente - además de ser presidente de la República, durante ese ese período era también, por decisión del propio COENA, presidente del COENA; es decir, del Consejo Ejecutivo Nacional del partido ARENA.

Dos años atrás (2016) fue capturado y ha permanecido en la cárcel junto a sus colaboradores cómplices, mientras se organizaba el juicio.

El proceso judicial, que está en curso actualmente , ha puesto en evidencia el mecanismo por medio del cual el presidente o expresidente puede sustraer fondos del Estado de una forma solapada y sin aparente control de las autoridades fiscales del Estado, o en complicidad con ellas. Como dice padre Tojeira de la U.C.A. “[este mecanismo de corrupción] es apenas la punta del iceberg”.

El caso de Tony Saca es emblemático por varias razones. Fue presidente por el Partido Arena durante sus 5 años de gobierno. Según sale de sus declaraciones le otorgó al mismo partido ARENA más de 9 millones y medio de dólares para financiar actividades de campaña electoral (para alcalde y presidente durante el 2008) para las elecciones del 2009.

Como el Partido Arena perdió las elecciones en el 2009, el COENA (y sus financista millonarios) dispusieron alejarlo (expulsarlo) no por corrupto, sino por haber propiciado la derrota electoral y haber permitido una división entre los diputados que posteriormente se convertiría en el partido GANA (Gran Alianza Nacional).

Con esos 301 millones de dólares - según investigaciones de la FGR - construyo una mansión valorada en 8 millones de dólares, compró vehículos de lujos, financió sus empresas radiales y de la familia, pagó sobre sueldos por 5 años a periodistas, abogados, ministros, directores, decenas de personas (se mencionan 52 personas por un total de casi$192 millones en 5 años de gobierno), hasta su esposa recibó un sueldo de $10,00 dólares mensuales. Aparte desde luego de financiar al Partido Arena, también se dio a conocer que entregó dinero a otros partidos: P.C.N (Partido Conciliacíón Nacional), D.C (Democracia Cristiana), D.S. (Democracia Salvadoreña) y al partido GANA.

Ante esta monumental trama de corrupción, la Fiscalía pactó y negoció con los abogados de Tony Saca hacer un juicio breve. Donde Elías Antonio Saca acepta haber desviado y apropiado dinero de la Partida Secreta presidencial para fines personales y de otros, ajenos a la naturaleza de dichos fondos; a cambio, la Fiscalía le reduce la pena que pendía sobre él de 30 años de cárcel a una condena: entre 5 años a máximo 10 años, con beneficio de excarcelación por buena conducta, teniendo que devolver solamente a las arcas del Estado 25 millones de dólares!

Aunque para muchos el hecho de enjuiciar un ex presidente corrupto es una victoria y se puede medir como avance de la justicia salvadoreña, para  muchos otras resulta una especie de burla, pues le está salvando de 30 años de cárcel y salir bien librado devolviendo solo $25 millones de dólares.

Abreviar el juicio significa también no destapar más la olla de corrupción, más de lo que ya se dio a conocer, pues tendrían que declarar muchas más personas y testificar con más detalles y eso podría poner en serios aprietos a muchas más personas, instituciones, bancos, partidos políticos, asociaciones empresariales y sociales, etc. Mejor un juicio corto donde el acusado se declara culpable y se abrevia todo a pocas sesiones de juicio y si es posible a puertas cerradas para que no se sepan muchos detalles de lo que ahí se declara y admite.

Sin embargo y a pesar de todo el cuidado que ha tenido la FGR en no generar tanta noticia alrededor del juicio, se hizo pública una declaración del expresidente Saca, que si había dado al Partido ARENA cerca de 9 millones de dólares para campaña electoral, esto ha provocado que parte de la sociedad civil ya haya solicitado ante el TSE (Tribunal Supremo Electoral) que venga cancelado el partido ARENA por recibir y utilizar fondos provenientes ilegítimamente para campañas electorales; amén, que también se le han puesto demandas ante la FGR para que investigue más a fondo al partido ARENA por lavado de dinero. En un momento muy delicado pues se está a las puertas - en pocos meses - de comenzar oficialmente la campaña para las elecciones presidenciales del febrero 2019.

Este juicio a Tony Saca se le ha vuelto un dolor de cabeza y puesto todo cuesta arriba al partido ARENA.

Como dice una reflexión popular que circula:

”ARENA acusa a ARENA de tener un expresidente que se benefició de ARENA pero que dañó a ARENA con gente de ARENA para salir de ARENA”.

El juicio va a continuar con otros acusados de los actos de corrupción provenientes desde la misma cabeza del Estado; por lo tanto, no es de extrañar y así se espera, que hayan muchas más sorpresas no solo para desentrañar esa red de corrupción que tiene muchas conexiones, sino quizá para iniciar - como sociedad civil - otro gran cambio en el país que regule el propio sistema político económico o que lo cambie, pues la fuente de la corrupción - como está saliendo a luz - está precisamente en el sistema que nos gobierna todos.

San Salvador, agosto 2018

El Salvador: Il pericolo della “miniera verde” ed altri demoni

Di Maria Teresa Messidoro, vicepresidente Associazione Lisangà culture in movimento

Nel mese di marzo scorso, le elezioni amministrative in El Salvador si sono concluse con una vittoria di ARENA, il partito conservatore di destra, ottenendo la maggioranza nell’Assemblea Legislativa e conquistando le città più importanti del paese centroamericano.

Le prospettive per il prossimo appuntamento elettorale, l’elezione del Presidente della Repubblica – El Salvador è una repubblica presidenziale – previsto per febbraio del prossimo anno, non sono certo rosee.

Pochi giorni fa, si sono infatti concluse le primarie di ARENA, per individuare il proprio candidato alle presidenziali ed ha vinto “la miniera verde”. Cioè Carlos Calleja, socio di Frank Giustra, l’impresario canadese interessato a favorire la diffusione della nociva industria mineraria in El Salvador.  Le miniere metalliche sono in questo momento proibite nel paese, grazie alla legge approvata un anno fa dall’Assemblea Legislativa, trasformando El Salvador nel primo paese latinoamericano che ha proibito di fatto l’estrazione mineraria. Ma la compagnia canadese Pacific Rim –Oceana Gold non si è mai arresa, ed ora confida in un governo di ARENA per la modifica della legge, se non la sua totale abolizione. Per questo, è ormai noto a tutti, che la Compagnia Pacific Rim ha investito milioni di dollari nella campagna a sostegno di Calleja, accusato dal suo sfidante nelle primarie, il miliardario Javier Simán, di aver esercitato pressioni, obbligato ed addirittura minacciato molti militanti areneros.

Ed ora la Pacific Rim sta sicuramente festeggiando.

Non casualmente, parallelamente alle primarie di ARENA, alcune delle imprese estrattive hanno lanciato una campagna pubblicitaria sulla “miniera verde”, per diffondere l’idea che possa esistere una miniera non pericolosa e rispettosa dell’ambiente. Ma la gente deve ricordarsi che non è possibile una miniera “amica”, lo dimostrano i danni perpetrati alle sorgenti d’acqua, al territorio, alle condizioni di vita della popolazione. Lo ripetono da tempo i rappresentanti della Mesa Nacional frente a la Mineria, convinti che anche per questo non si può permettere la vittoria di un Presidente di ARENA.

All’orizzonte si profilano altri problemi: se dovesse veramente vincere Calleja: la destra ha appena presentato in Assemblea una proposta di riforma costituzionale per eliminare il limite alla proprietà della terra, permettendo così il ritorno al latifondo e alle monocolture, cancellando di fatto l’agricoltura di sussistenza e privando i piccoli proprietari terrieri delle proprie limitate risorse.

Non ci si può dimenticare che proprio la concentrazione in poche mani oligarche della proprietà della terra  e la mancanza di accesso alla stessa da parte di migliaia di contadini salvadoregni creò le condizioni di disuguaglianza sociale, che sfociarono prima nell’insurrezione del 1932, poi nella guerra civile degli anni 80.

Si parlava allora di 14 famiglie, quelle che, inizialmente cafetaleras, dal 1886, con la cancellazione delle terre ejidales, le terre comunitarie, hanno governato, controllato ed utilizzato per i propri interessi le risorse delle 14 province del paese: erano e sono i Dueñas, Guirola, Sol, Regalado, Salaverría, Álvarez, Borgonovo, Samayoa, Cristiani, Gianmattei,…  Quasi 50.000 ettari possedevano i Dueños, i Guirola poco più di 40.000, i Sol poco più di 21.000 e così via.

La riforma agraria del 1980, nonostante molti dei suoi limiti, ebbe il merito di trasformare i contadini che avevano lavorato per i grandi terratenientes, in piccoli proprietari terrieri; successivamente, in base agli Accordi di Pace del 1992, il programma della Financiera Nacional de Tierras Agricolas trasferì a ex combattenti del FMLN e delle Forze Armate terre coltivabili, spesso abbandonate durante il conflitto armato. Infine, durante gli ultimi due Governi del FMLN, questo processo si è ampliato, con il conferimento di molti altri titoli di proprietà a migliaia di persone.

Ora, l’eventuale Governo di ARENA, potrebbe invertire pericolosamente questo processo, modificando o cancellando l’articolo 105 della Costituzione che stabilisce come 245 ettari il limite di terra che può possedere una sola persona, e l’articolo 267, che autorizza l’esproprio nel caso si superi questo limite.

L’inizio dei lavori nell’Assemblea Legislativa non è incoraggiante: ARENA, che ha la maggioranza semplice con il PCN e può contare su una maggioranza qualificata, necessaria per l’approvazione di alcune leggi, grazie all’accordo con gli altri partiti di destra, dopo aver escluso l’FMLN dai presidenti delle commissioni più importanti e aver praticamente ridotto a zero la presenza della sinistra nella Giunta Direttiva, si appresta a far approvare, oltre all’abrogazione della legge sulle miniere, la legge che di fatto privatizza l’acqua, l’incremento dell’IVA, l’aumento dell’età pensionabile, la cancellazione dei sussidi per le famiglie più disagiate e la disintegrazione della legge di accesso all’informazione pubblica.

Tutto perduto allora? Non lo credo. Conversando con i nostri amici e compagni salvadoregni, ci commentavano che per raggiungere San Salvador in occasione della manifestazione del 1 maggio, c’erano, per la prima volta dopo molto tempo, dei controlli della polizia, segno che “l’aria sta cambiando e si può capire a chi devono rendere conto quelli della polizia”. Ma, commentava Gilberto Reynado, presidente della Giunta Direttiva della Comunità di San Francisco Echeverria “Noi non ci arrendiamo, non ci fermeremo ad aspettare con le braccia conserte. Che lo stesso FMLN si renda conto di ciò che può e deve fare per recuperare la fiducia della gente”

E Mirna Perla, vedova del difensore dei Diritti Umani Herbert Sanabria, ammazzato il 26 ottobre 1987,  “L’ondata di politiche neoliberiste avanza con forza. E’ necessario ricostruire le nostre energie per dare seguito alla lotta. Hasta la victoria siempre!”.

 

Programma “Una mesa común para todas y todos” in El Salvador: il sogno dell’Università Rutilio Grande

Di Maria Teresa Messidoro, vicepresidente Associazione Lisangà culture in movimento

Le comunità di El Paisnal, Aguilares, San Pablo Tacachico, Suchitoto, Apopa, Guazapa, Chalatenango, San Salvador, unitariamente ad alcuni rappresentanti delle istituzioni locali, delle chiese e delle organizzazioni sociali, da più di dieci anni si sono uniti nel programma comune UNA MESA COMÚN PARA TODAS Y TODOS, con l’obiettivo di raccogliere l’eredità lasciata da Padre Rutilio Grande.  Si vorrebbe creare degli spazi educativi e spirituali, in cui proprio le persone, uomini e donne, che sono stati da sempre emarginati, in particolare i contadini, possano finalmente poter accedere ad uno sviluppo umano dignitoso in El Salvador. 

Padre Rutilio Grande, fu ammazzato in un’imboscata della Guardia Nacional nel marzo del 1977, insieme ad un contadino e ad un giovane di appena sedici anni che lo accompagnavano, perché nella lista dei pericolosi sovversivi da eliminare. Fu proprio il suo barbaro assassinio a dare inizio alla conversione di Mons Romero, trasformando il vescovo di San Salvador, scelto perché conservatore, nella voce dei senza voce, fino al suo martirio, avvenuto nel marzo del 1980. 

Ci racconta Monicia, responsabile della comunicazione del programma Una mesa común, che concretamente si vorrebbe dar vita all’ Universidad Nacional Padre Rutilio Grande, pubblica e gratuita per tutti, una scommessa per vincere la violenza ed ottenere una giustizia sociale più equa. L’Università Rutilio Grande si propone un orientamento all’educazione integrale dei giovani, attraverso una formazione professionale nel campo dell’agricoltura che punti al raggiungimento della sovranità nazionale, senza dimenticare la formazione umanista, a partire dalla memoria storica, in un incontro profondo con le proprie radici spirituali e culturali.

In questo progetto, 12000 giovani potrebbero essere inseriti in 6 facoltà, per un totale di 65 indirizzi, nei campi dell’agricoltura e scienza della natura, scienze sociali e umanistiche, ingegneria ed architettura, giurisprudenza, scienze economiche e arte e cultura. Attraverso l’Università, ci si propone di riuscire a riforestare la valle del Rio Lempa e diminuire almeno parzialmente il cambiamento climatico, diversificare la produzione agricola e agroindustriale, favorire la creazione di nuovi posti di lavoro, ridurre l’indice di violenza, combattere la povertà e ridimensionare l’emigrazione come unica scelta possibile per molti giovani. 

Un sogno? Una scommessa irrealizzabile? Conoscendo la caparbietà, la determinazione e la fantasia dei salvadoregni, questo sogno potrebbe diventare realtà. Ed intanto, proseguono le iniziative di informazione e raccolta fondi per il finanziamento della fase iniziale del progetto, mentre ci si adopera per l’approvazione della legge di creazione dell’Università Rutilio Grande e l’acquisizione dei terreni da parte dello stato salvadoregno per la costruzione della stessa università.

El Salvador: Romero in paradiso, il Frente no

Di Maria Teresa Messidoro, vicepresidente Associazione Lisangà culture in movimento

Mercoledì 7 marzo El Salvador si è risvegliato con la notizia che Papa Francesco confermò ufficialmente la canonizzazione come santo di Mons. Romero nel prossimo mese di ottobre.

Il vescovo, assassinato esattamente trentotto anni fa, il 24 marzo, a San Salvador, per mano di uno squadrone della morte, era già Santo d’America per il popolo salvadoregno e per tutto il continente latinoamericano. Ma questa comunicazione ufficiale rende giustizia ad un assassinio non certo condannato dalla chiesa di Roma di allora con tutta la forza che ci si sarebbe aspettati.

Fu un assassinio voluto e ordinato dalle alte sfere politiche e sociali al potere in quel momento in El Salvador, considerato ormai da tutti gli storiografi il momento iniziale della lunga e dolorosa guerra civile. Occorre inoltre ricordare che i responsabili materiali e morali dell’accaduto non sono ancora stati condannati ufficialmente dalla giustizia.

Nel mese di marzo si ricorda anche l’assassinio di Padre Rutilio Grande, il sacerdote ammazzato perché “sovversivo”, colui che affermava “vogliamo costruire una comunità di fratelli, in cui nessuno si senta peón”; questo tragico fatto, avvenuto nel 1977, è considerato come l’inizio della conversione di Mons Romero, trasformandolo nel Vescovo dei poveri e degli ultimi. E proprio il 17 marzo di quest’anno, verrà presentato a San Salvador il progetto dell’Università Nazionale Padre Rutilio Grande, ancora una volta per non dimenticare e costruire una cultura autenticamente popolare.

Marzo è veramente un mese importante per il destino ed il futuro del Pulgarcito de América: il 4 marzo si sono svolte le elezioni per l’Assemblea Legislativa e la nomina dei Consigli comunali – ricordiamo che El Salvador è una repubblica presidenziale, quindi il Presidente sarà eletto in un’altra tornata elettorale il prossimo anno.

Questa volta, il risveglio è stato meno felice: il partito di destra ARENA si consolida come primo partito, aumentando i propri seggi a 38, l’FMLN, partito nato dall’analogo fronte guerrigliero, scende a 22-23, il risultato peggiore dalle prime elezioni dopo la fine della guerra civile, nel 1994; il PCN e GANA, partiti minori che si collocano comunque nell’area conservatrice, ottengono in totale 19 seggi, con la possibilità così di dare vita insieme ad ARENA ad un solido asse di potere nell’Assemblea Legislativa, mettendo in minoranza il governo di Sanchez Cerén, FMLN, nel suo ultimo anno di vita.

Se si aggiunge che ARENA ha conquistato nove amministrazioni sui 14 capoluoghi di provincia, incluso San Salvador, e che il Frente passerà probabilmente da 85 a 71 amministrazioni comunali,è chiaro che la sconfitta del partito di sinistra è stata netta.

Il primo elemento dell’analisi dei voti è che l’alto astensionismo, che ha raggiunto quasi il 48%, affiancato dall’enorme numero di voti nulli, il 5% degli aventi diritto al voto, è la rappresentazione evidente del castigo che ha voluto esprimere la popolazione salvadoregna nei confronti del FMLN.

Il secondo è che ARENA non ha avuto scrupoli nella sua campagna elettorale: come ci raccontano testimonianze dirette di candidati del FMLN in alcuni piccoli comuni, ARENA e gli altri partiti di destra hanno fatto ricorso spesso alla compravendita di voti, offrendo cibo e piccoli premi ad una popolazione in difficoltà economica in cambio di un appoggio elettorale; intanto, il 10 marzo, si diffonde la notizia che il rieletto sindaco di ARENA del municipio di Sant’Antonio de la Cruz, nella regione di Chalatenango, è stato arrestato con l’accusa di narcotraffico e tratta delle persone, colpevole di coordinare la distribuzione della droga all’interno della stessa Casa Comunale.

Inoltre, occorre ammettere che durante l’ultimo governo del FMLN si sono approvate leggi importanti come quella sul riconoscimento dei popoli indigeni, sulla proibizione del matrimonio infantile; si sono costruite strade e ospedali, garantendo più servizi sociali, è stata messa in campo una legge speciale integrale sul diritto della donna ad una vita senza violenza ed è diventata legge in El Salvador, primo paese latinoamericano, la proibizione delle miniere metalliche, portatrici di morte e scempi.

Ma ciò non è stato sufficiente, perché troppe volte l’FMLN, come è successo ad altri partiti progressisti in America Latina, ha inseguito parole d’ordine della destra, con un atteggiamento troppo tiepido nei confronti del potere dell’oligarchia neoliberista che ancora detta le leggi economiche nel paese. Non è stato capace di ascoltare ed includere i giovani, gli studenti, gli intellettuali, gli artisti, le femministe, le associazioni sociali, quelle persone del popolo che rappresentano o dovrebbero rappresentare le basi solide di un partito di sinistra.

Ora, giustamente si richiedono da più parti le dimissioni del gruppo dirigente del partito, o almeno di alcuni; si esige una consultazione ampia e di base per la scelta del candidato per le prossime elezioni presidenziali, ormai alle porte.

Come afferma Miriam García, a nome della redazione del giornale digitale alternativo Vanguardia, “Tutti noi sappiamo che la destra non ci rappresenterà mai; però nemmeno questa sinistra, sorda alle diverse opinioni della gente. Tempo fa, una sinistra unita ha vinto non 20, ma 80, forse 200 anni di destra, che fossero militari, dittatori, caudilli. Però il potere è uno strumento a doppio filo, quando genera comodità. Ed allora è ora di sedersi tutti insieme, al di là di sigle e colori, per capire cosa è oggi la sinistra. La vittoria parziale nell’Assemblea Legislativa di ARENA non è il risultato della scintillante campagna della destra, è invece la prova dello scontento della gente nei confronti del FMLN. E’ il riflesso di un gran potere popolare,  ed è un appello per utilizzarlo con coerenza e responsabilità. Se saremo capaci di leggere bene tutti insieme questi segnali, queste elezioni non sono state la fine della sinistra salvadoregna, ma l’inizio di un rinnovamento giusto e necessario”

Troppo ottimista? Non lo credo, visto che subito dopo le elezioni in El Salvador, i nostri “fratelli” della piccola comunità autogestita di San Francisco Echeverria, nel comune di Tejutepeque, dove l’FMLN ha perso per una manciata di voti, ci hanno scritto: “certo, abbiamo perso, ma noi continuiamo a camminare a testa alta, con la voglia di continuare a lottare” , “come diceva il Che, l’unica lotta che si perde è quella che si abbandona”.

Vero.

E poi, mica tutti i partiti di sinistra latinoamericani possono vantare un santo in paradiso.

 

Proprio il 24 marzo, l’Associazione Lisangà culture in movimento, propone a Torino l’iniziativa “Palabras en fiesta, dialogo con l’arte e la cultra di El Salvador”  , preceduta da una settimana di mostra fotografica a Bussoleno ed un incontro pubblico, il 23 marzo, a Chianocco, con Santiagio Consalvi, ex direttore di Radio Venceremos, sul valore oggi della testimonianza di Mons Romero

vedere programma nella sezione NEWS

Ultime News