El Salvador: repressione contro i venditori ambulanti

Lo scorso 8 novembre El Salvador ha compiuto un passo indietro di almeno 30 anni. La selvaggia repressione ordinata dal sindaco di Santa Tecla Roberto D’Aubuisson contro i venditori ambulanti che contestavano lo sgombero imposto dal primo cittadino, a molti ha ricordato gli anni più bui del regime militare di Arena (Alianza Republicana Nacionalista), il partito di estrema destra che ha governato ininterrottamente il paese dal 1989 al 2009 facendo della mano dura il tratto principale della sua politica.

Il cognome D’Aubuisson evoca terrore in gran parte della popolazione salvadoregna. L’attuale sindaco di Santa Tecla, municipio dell’area metropolitana della capitale San Salvador, è figlio del fondatore del partito Arena, ideatore degli squadroni della morte e mandante morale dell’omicidio di monsignor Romero. Roberto D’Aubuisson ha chiesto al Cam (Cuerpo de Agentes Municipales) di sgomberare con la forza il blocco effettuato dai venditori per impedire l’accesso al mercato di Santa Tecla a seguito della decisione del sindaco di vietare loro la vendita della merce in vista delle ormai prossime festività natalizie. I fatti di Santa Tecla sono passati del tutto inosservati sulla stampa internazionale, nonostante un giovane sia rimasto ucciso e i feriti siano stati centinaia. Se Arena tornasse al governo, come auspica la coppia che punta a vincere le prossime presidenziali, composta da Carlos Calleja e Carmen Aída Lazo, tornerebbe senz’altro la repressione che aveva contraddistinto il partito quando era stato al potere.

La violenza del Cam, abbattutasi contro i venditori ambulanti, è la stessa degli squadroni della morte che negli anni Ottanta agivano nella più completa impunità contro i militanti efemelistas e rappresenta un chiaro avvertimento contro i movimenti sociali e le organizzazioni popolari. Già lo scorso mese di giugno era accaduto un episodio simile, quando il presidente dell’Assemblea legislativa Norman Quijano, anch’esso arenero, aveva ordinato alla polizia di sparare lacrimogeni contro studenti, docenti e lavoratori dell’Universidad de El Salvador (Ues), che protestavano contro la privatizzazione dell’acqua. In quella circostanza rimase ferito anche il rettore Roger Arias.

Sotto D’Aubuisson il Cuerpo de Agentes Municipales ha assunto compiti in realtà prerogativa dell’esercito, grazie anche alle consulenze di militari vicini ad Arena interessati a formare il Cam per attività di repressione contro la popolazione. Il governo nazionale, a guida efemelista, ha accusato D’Aubuisson condannando le sue sprezzanti parole contro i manifestanti. Il sindaco ha voluto evidenziare che 16 membri del Cam, comandato dal colonnello Gilber Cáceres, sono rimasti feriti, evidenziando che non era assolutamente interessato alle condizioni di salute dei venditori ambulanti feriti. Eppure sono numerosi i testimoni che parlano di un attacco improvviso a colpi di armi da fuoco del Cam, responsabile della morte del giovane Ivan Alexander Sandoval Cienfuegos, con buona pace del figlio del genocida D’Aubuisson, secondo il quale gli agenti sarebbero le vittime e non gli aggressori.

A seguito dell’accaduto, i venditori ambulanti sono scesi di nuovo in strada per ribadire che non sono né violenti né pandilleros, come ha cercato di dipingerli il sindaco D’Aubuisson, nel tentativo di dimostrare che il giovane ucciso fosse legato ad una pandilla. Le brutali cariche della polizia contro i venditori ambulanti non hanno fatto notizia fuori da El Salvador, ed è preoccupante l’impunità di Arena, che già si comporta come se fosse al governo, replicando le strategie di repressione già applicate in paesi governati dalla destra come Argentina, Brasile, Colombia e Cile.

Arena punta sull’ordine e sulla sicurezza per tornare alla guida del paese, per questo occorre condividere la mobilitazione dei movimenti sociali all’insegna del motto “Arena nunca más”. 

 

Articolo di David Lifodi tratto da Peacelink

 

En Nicaragua nada está normal

ll conflitto sociale esploso in aprile in Nicaragua non è terminato, nonostante la repressione e il tentativo del governo di far apparire a livello mediatico una normalità che non esiste. Continuano le persecuzioni contro i protagonisti e le protagoniste delle lotte e la repressione non si ferma, così come le proteste. 

Articoli ed aggiornamenti sulla situazione che si sta vivendo in Nicaragua da aprile 2018 ad oggi al link https://issuu.com/nicaragua.torino/docs/pamphlet_a5/28

ELÍAS ANTONIO SACA Y LA CORRUPCIÓN DESDE EL ESTADO

ELÍAS ANTONIO SACA Y LA CORRUPCIÓN DESDE EL ESTADO

Di Vicente Flores

Por primera vez en la historia de El Salvador un expresidente de la República viene enjuiciado por corrupto.

Se trata del expresidente Elías Antonio Saca que fuera presidente de la República de El Salvador bajo la bandera del partido ARENA en el periodo 2004-2009.

La Fiscalía General de la República (FGR) demostró que durante su período presidencial extrajo y desvió de la partida presidencial (conocida como partida secreta) $301 millones de dólares para usos personales e impropios, en el transcurso de los cinco años de gobierno.

Por supuesto que para llevar a cabo ese plan contó con la complicidad de algunos de sus más cercanos allegados y colaboradores de confianza de la presidencia que también están siendo juzgados (secretario privado de la presidencia, secretario de comunicaciones de la presidencia, contadores, abogados, etc).

Antonio “Tony Saca” - como es conocido popularmente - además de ser presidente de la República, durante ese ese período era también, por decisión del propio COENA, presidente del COENA; es decir, del Consejo Ejecutivo Nacional del partido ARENA.

Dos años atrás (2016) fue capturado y ha permanecido en la cárcel junto a sus colaboradores cómplices, mientras se organizaba el juicio.

El proceso judicial, que está en curso actualmente , ha puesto en evidencia el mecanismo por medio del cual el presidente o expresidente puede sustraer fondos del Estado de una forma solapada y sin aparente control de las autoridades fiscales del Estado, o en complicidad con ellas. Como dice padre Tojeira de la U.C.A. “[este mecanismo de corrupción] es apenas la punta del iceberg”.

El caso de Tony Saca es emblemático por varias razones. Fue presidente por el Partido Arena durante sus 5 años de gobierno. Según sale de sus declaraciones le otorgó al mismo partido ARENA más de 9 millones y medio de dólares para financiar actividades de campaña electoral (para alcalde y presidente durante el 2008) para las elecciones del 2009.

Como el Partido Arena perdió las elecciones en el 2009, el COENA (y sus financista millonarios) dispusieron alejarlo (expulsarlo) no por corrupto, sino por haber propiciado la derrota electoral y haber permitido una división entre los diputados que posteriormente se convertiría en el partido GANA (Gran Alianza Nacional).

Con esos 301 millones de dólares - según investigaciones de la FGR - construyo una mansión valorada en 8 millones de dólares, compró vehículos de lujos, financió sus empresas radiales y de la familia, pagó sobre sueldos por 5 años a periodistas, abogados, ministros, directores, decenas de personas (se mencionan 52 personas por un total de casi$192 millones en 5 años de gobierno), hasta su esposa recibó un sueldo de $10,00 dólares mensuales. Aparte desde luego de financiar al Partido Arena, también se dio a conocer que entregó dinero a otros partidos: P.C.N (Partido Conciliacíón Nacional), D.C (Democracia Cristiana), D.S. (Democracia Salvadoreña) y al partido GANA.

Ante esta monumental trama de corrupción, la Fiscalía pactó y negoció con los abogados de Tony Saca hacer un juicio breve. Donde Elías Antonio Saca acepta haber desviado y apropiado dinero de la Partida Secreta presidencial para fines personales y de otros, ajenos a la naturaleza de dichos fondos; a cambio, la Fiscalía le reduce la pena que pendía sobre él de 30 años de cárcel a una condena: entre 5 años a máximo 10 años, con beneficio de excarcelación por buena conducta, teniendo que devolver solamente a las arcas del Estado 25 millones de dólares!

Aunque para muchos el hecho de enjuiciar un ex presidente corrupto es una victoria y se puede medir como avance de la justicia salvadoreña, para  muchos otras resulta una especie de burla, pues le está salvando de 30 años de cárcel y salir bien librado devolviendo solo $25 millones de dólares.

Abreviar el juicio significa también no destapar más la olla de corrupción, más de lo que ya se dio a conocer, pues tendrían que declarar muchas más personas y testificar con más detalles y eso podría poner en serios aprietos a muchas más personas, instituciones, bancos, partidos políticos, asociaciones empresariales y sociales, etc. Mejor un juicio corto donde el acusado se declara culpable y se abrevia todo a pocas sesiones de juicio y si es posible a puertas cerradas para que no se sepan muchos detalles de lo que ahí se declara y admite.

Sin embargo y a pesar de todo el cuidado que ha tenido la FGR en no generar tanta noticia alrededor del juicio, se hizo pública una declaración del expresidente Saca, que si había dado al Partido ARENA cerca de 9 millones de dólares para campaña electoral, esto ha provocado que parte de la sociedad civil ya haya solicitado ante el TSE (Tribunal Supremo Electoral) que venga cancelado el partido ARENA por recibir y utilizar fondos provenientes ilegítimamente para campañas electorales; amén, que también se le han puesto demandas ante la FGR para que investigue más a fondo al partido ARENA por lavado de dinero. En un momento muy delicado pues se está a las puertas - en pocos meses - de comenzar oficialmente la campaña para las elecciones presidenciales del febrero 2019.

Este juicio a Tony Saca se le ha vuelto un dolor de cabeza y puesto todo cuesta arriba al partido ARENA.

Como dice una reflexión popular que circula:

”ARENA acusa a ARENA de tener un expresidente que se benefició de ARENA pero que dañó a ARENA con gente de ARENA para salir de ARENA”.

El juicio va a continuar con otros acusados de los actos de corrupción provenientes desde la misma cabeza del Estado; por lo tanto, no es de extrañar y así se espera, que hayan muchas más sorpresas no solo para desentrañar esa red de corrupción que tiene muchas conexiones, sino quizá para iniciar - como sociedad civil - otro gran cambio en el país que regule el propio sistema político económico o que lo cambie, pues la fuente de la corrupción - como está saliendo a luz - está precisamente en el sistema que nos gobierna todos.

San Salvador, agosto 2018

El Salvador: Il pericolo della “miniera verde” ed altri demoni

Di Maria Teresa Messidoro, vicepresidente Associazione Lisangà culture in movimento

Nel mese di marzo scorso, le elezioni amministrative in El Salvador si sono concluse con una vittoria di ARENA, il partito conservatore di destra, ottenendo la maggioranza nell’Assemblea Legislativa e conquistando le città più importanti del paese centroamericano.

Le prospettive per il prossimo appuntamento elettorale, l’elezione del Presidente della Repubblica – El Salvador è una repubblica presidenziale – previsto per febbraio del prossimo anno, non sono certo rosee.

Pochi giorni fa, si sono infatti concluse le primarie di ARENA, per individuare il proprio candidato alle presidenziali ed ha vinto “la miniera verde”. Cioè Carlos Calleja, socio di Frank Giustra, l’impresario canadese interessato a favorire la diffusione della nociva industria mineraria in El Salvador.  Le miniere metalliche sono in questo momento proibite nel paese, grazie alla legge approvata un anno fa dall’Assemblea Legislativa, trasformando El Salvador nel primo paese latinoamericano che ha proibito di fatto l’estrazione mineraria. Ma la compagnia canadese Pacific Rim –Oceana Gold non si è mai arresa, ed ora confida in un governo di ARENA per la modifica della legge, se non la sua totale abolizione. Per questo, è ormai noto a tutti, che la Compagnia Pacific Rim ha investito milioni di dollari nella campagna a sostegno di Calleja, accusato dal suo sfidante nelle primarie, il miliardario Javier Simán, di aver esercitato pressioni, obbligato ed addirittura minacciato molti militanti areneros.

Ed ora la Pacific Rim sta sicuramente festeggiando.

Non casualmente, parallelamente alle primarie di ARENA, alcune delle imprese estrattive hanno lanciato una campagna pubblicitaria sulla “miniera verde”, per diffondere l’idea che possa esistere una miniera non pericolosa e rispettosa dell’ambiente. Ma la gente deve ricordarsi che non è possibile una miniera “amica”, lo dimostrano i danni perpetrati alle sorgenti d’acqua, al territorio, alle condizioni di vita della popolazione. Lo ripetono da tempo i rappresentanti della Mesa Nacional frente a la Mineria, convinti che anche per questo non si può permettere la vittoria di un Presidente di ARENA.

All’orizzonte si profilano altri problemi: se dovesse veramente vincere Calleja: la destra ha appena presentato in Assemblea una proposta di riforma costituzionale per eliminare il limite alla proprietà della terra, permettendo così il ritorno al latifondo e alle monocolture, cancellando di fatto l’agricoltura di sussistenza e privando i piccoli proprietari terrieri delle proprie limitate risorse.

Non ci si può dimenticare che proprio la concentrazione in poche mani oligarche della proprietà della terra  e la mancanza di accesso alla stessa da parte di migliaia di contadini salvadoregni creò le condizioni di disuguaglianza sociale, che sfociarono prima nell’insurrezione del 1932, poi nella guerra civile degli anni 80.

Si parlava allora di 14 famiglie, quelle che, inizialmente cafetaleras, dal 1886, con la cancellazione delle terre ejidales, le terre comunitarie, hanno governato, controllato ed utilizzato per i propri interessi le risorse delle 14 province del paese: erano e sono i Dueñas, Guirola, Sol, Regalado, Salaverría, Álvarez, Borgonovo, Samayoa, Cristiani, Gianmattei,…  Quasi 50.000 ettari possedevano i Dueños, i Guirola poco più di 40.000, i Sol poco più di 21.000 e così via.

La riforma agraria del 1980, nonostante molti dei suoi limiti, ebbe il merito di trasformare i contadini che avevano lavorato per i grandi terratenientes, in piccoli proprietari terrieri; successivamente, in base agli Accordi di Pace del 1992, il programma della Financiera Nacional de Tierras Agricolas trasferì a ex combattenti del FMLN e delle Forze Armate terre coltivabili, spesso abbandonate durante il conflitto armato. Infine, durante gli ultimi due Governi del FMLN, questo processo si è ampliato, con il conferimento di molti altri titoli di proprietà a migliaia di persone.

Ora, l’eventuale Governo di ARENA, potrebbe invertire pericolosamente questo processo, modificando o cancellando l’articolo 105 della Costituzione che stabilisce come 245 ettari il limite di terra che può possedere una sola persona, e l’articolo 267, che autorizza l’esproprio nel caso si superi questo limite.

L’inizio dei lavori nell’Assemblea Legislativa non è incoraggiante: ARENA, che ha la maggioranza semplice con il PCN e può contare su una maggioranza qualificata, necessaria per l’approvazione di alcune leggi, grazie all’accordo con gli altri partiti di destra, dopo aver escluso l’FMLN dai presidenti delle commissioni più importanti e aver praticamente ridotto a zero la presenza della sinistra nella Giunta Direttiva, si appresta a far approvare, oltre all’abrogazione della legge sulle miniere, la legge che di fatto privatizza l’acqua, l’incremento dell’IVA, l’aumento dell’età pensionabile, la cancellazione dei sussidi per le famiglie più disagiate e la disintegrazione della legge di accesso all’informazione pubblica.

Tutto perduto allora? Non lo credo. Conversando con i nostri amici e compagni salvadoregni, ci commentavano che per raggiungere San Salvador in occasione della manifestazione del 1 maggio, c’erano, per la prima volta dopo molto tempo, dei controlli della polizia, segno che “l’aria sta cambiando e si può capire a chi devono rendere conto quelli della polizia”. Ma, commentava Gilberto Reynado, presidente della Giunta Direttiva della Comunità di San Francisco Echeverria “Noi non ci arrendiamo, non ci fermeremo ad aspettare con le braccia conserte. Che lo stesso FMLN si renda conto di ciò che può e deve fare per recuperare la fiducia della gente”

E Mirna Perla, vedova del difensore dei Diritti Umani Herbert Sanabria, ammazzato il 26 ottobre 1987,  “L’ondata di politiche neoliberiste avanza con forza. E’ necessario ricostruire le nostre energie per dare seguito alla lotta. Hasta la victoria siempre!”.

 

Ultime News